Sanità, giusto attaccarla nell'emergenza?