Tra gli scenari possibili

Poll choices
2 Comments

  • Max - 8 years ago

    In tutta franchezza caro Giacobino mi ha guidato il dito nella scelta delle "larghe intese " la paura che con le elezioni ravvicinate , in perdurante assenza di chiara alternativa (Scalfari Repubblica 23/10), la destra anche senza Berlusconi si riorganizzi, ricalamiti a sè i moderati e riesca a spuntarla un'altra volta sia pur di misura. A una simile sciagura non voglio nemmeno pensare, capiscimi!

  • giacobino - 8 years ago

    Un governo di larghe intese, scheletrato dal PD, non farebbe altro che quello che fa l'attuale (cioè nulla di buono), e susciterebbe la medesima repulsa nell'opinione pubblica. Questa ormai vuole una sola cosa, il cambiamento: di governo, di clima, di personaggi, di facce; in una parola, di prospettive per il futuro. Nel PD attuale di prospettive non se ne vedono, nemmeno alla lontana.
    I giovani sono stufi di sopravvivere, all'ombra dei genitori. Prima che la pentola a pressione scoppi, apriamola, andiamo alle elezioni, non al solito modo ma rimettendo in gioco tutto. Se riusciamo a rinnovare davvero il Parlamento, dopo averlo ben ben disinfettato, a metterci teste pensanti e lungimiranti, ci sarà una possibilità di salvezza.
    Anche la vecchia Europa scricchiola, succube di vecchi schemi e priva di una classe politica all'altezza.
    Che il cielo ce la mandi buona, visto che il vecchio Giorgio non ce la fa.

Leave a Comment

0/4000 chars


Submit Comment